Il lago del Turano

turano

13 km, 20 minuti
Totalmente immerso nella natura (è inserito nel territorio della Riserva naturale dei monti Cervia e Navegna) il lago è disteso in una vallata compresa tra due file di monti molto scoscesi, ricoperti di boschi. Un paesaggio selvaggio e naturalisticamente intatto, punteggiato da paesini medievali, ognuno con la propria rocca, arrampicati sulle pendici ripide o sulle cime montane.
Il lago è un bacino idroelettrico realizzato sul Fiume del Turano con una poderosa diga costruita nel 1939. Lungo una decina di chilometri, è collegato al Lago del Salto da una galleria e alimenta la centrale elettrica di Cotilia. Il lago del Turano e i suoi dintorni costituiscono una riserva naturale ricca di vegetazione e specie animali. Il territorio è ricoperto in gran parte da boschi, soprattutto nella zona del Monte Navegna, mentre nel lago del Turano si trovano anguille, lucci, persici, trote, tinche, temoli, scardole e gamberi di acqua dolce. A metà del lago si fronteggiano, il primo su una penisola, l’altro su un cocuzzolo roccioso, i due centri abitati di Colle di Tora e di Castel di Tora, il cui nome ricorda l’antica città sabino-romana di Thiora. I centri più importanti, per arte e testimonianze storiche, nelle vicinanze del lago, sono Rocca Sinibalda e Collalto Sabino. Da Rocca Sinibalda, consigliamo la traversata panoramica al Lago del Salto, attraverso la dorsale del Monte Navegna, passando per Longone, Vallecupola e Varco Sabino (30 chilometri). Un’altra strada da cui si godono splendide vedute sul Terminillo, sul Monte Velino e sulle montagne degradanti verso Roma, è quella che unisce Rieti a Longone. Può essere percorsa come variante per raggiungere da Rieti i laghi del Salto e del Turano. Gli itinerari intorno al lago sono bellissimi, dall’alto dei monti alla strada che corre sui bordi, e il luogo offre di tutto: trekking, mountain-bike, vela, canottaggio, campeggio e pesca. Spesso noi andiamo da Castellano al lago scavalcando il Muro Pizzo con la bici, oppure esploriamo i sentieri tra i boschi con le moto da cross. Ma d’estate è anche molto piacevole prendere il sole sulle spiaggette e fare il bagno nell’acqua freschissima, insieme a pochissimi turisti locali, o gironzolare per il lago con le canoe.

back